giovedì 23 aprile 2015

Attrezzature...fuori dal tempo

Mi sono resa conto di non avervi ancora fatto vedere le mie prime attrezzature da ricamatrice medioevale!
Dunque il kit comprende una comodissima forbice e dei rocchetti di legno. Tutte queste cose sono fedeli riproduzioni quindi il top per un rievocatore. La forbice è la cosa più comoda da usare che io conosca! Infatti a forza di dirlo mio marito una sera è tornato a casa con un modello simile ma moderno, quindi con un acciaio migliore e quei bei colori che una donna apprezza! Ad ogni modo, se vi state chiedendo che forbice io usi mi spiace deludervi confermando che uso proprio questo tipo! La comodità è che non devi fare due movimenti per usarle (chiudere ed aprire le dita per farla funzionare), queste forbicine in un solo movimento fanno il loro lavoro e stanno rase sulla stoffa permettendoti ampio movimento. Comunque è solo la mia opinione, che ho trovato carino condividerla, data dal fatto che in rievocazione uso questa e poi è più comodo mantenere lo stesso metodo anche nel quotidiano,  ma in verità se trovo in vendita una delle forbicine "classiche" la compro solo perché le trovo bellissime.
Ad ogni modo, sto aspettando un mercatino medioevale che faranno tra qualche mese, lì potrò comprare la riproduzione di un porta aghi del mio periodo storico (la fine del 1400)! Calcolando che è in metallo e tutto lavorato immaginate voi il costo, ma ne vale la pena! Infine l'argomento aghi...e qui casca il palco! Conosco degli artigiani da cui acquistare aghi filologicamente corretti...ma li conserverò solo per farli vedere al pubblico, come didattica, perché ogni volta che provo ad usarli tendo a romperli e vi assicuro che mi è già accaduto! Insomma, devo scartare i miei aghi moderni da ricamo perché li incurvo dopo poche settimane di lavoro a forza di usarli, immaginate se non avessero una struttura perfettamente solida.O forse un giorno qualcuno risolverà questo mio dilemma vendendomi un ago filologicamente corretto ma resistente!
Ed ecco dunque che continuerò l'argomento tra qualche mese, vi ringrazio di avermi letta e ci aggiorniamo presto^_^

martedì 7 aprile 2015

Regalo!

Questo è un auto-regalo!
Insomma...avevo proprio bisogno di una scatolina che mi contenesse gli avanzi dei fili che produco mentre ricamo! Una persona precisa come me non riesce ad appoggiarli sul tavolo e questa è stata l'idea che ho abbracciato! Mi trovo molto bene.
L'ho realizzata a punto croce usando un lino dalla trama regolare e molto fitto per avere un risultato piccino e raffinato. Poi ho semplicemente rivestito un cartoncino con le stoffe per ricreare una scatolina!
Lo uso da alcuni mesi e devo dire che è molto resistente. Lo consiglio.
Il Kit l'ho acquistato, quindi lo schema era contenuto all'interno. Le istruzioni erano chiare e di semplice comprensione! Davvero un kit ben fatto! Solo che io ho la tendenza a modificare tutto...più che altro a personalizzare! L'articolo, progettato da Simona, vedeva il suo utilizzo come porta forbicine da ricamo e attrezzature varie, aveva un comodo e dolce manico in legno centrale (nel mio caso è rimasto nel sacchettino del kit) e un divisorio. Io ho leggermente alterato le misure e creato un articolo un pò più semplice. Ripeto, il fine mio era quello di avere un contenitore pratico ma crocettoso in cui poter mettere tutti gli avanzi di fili e poterlo svuotare a fine giornata; e credetemi : sarà una mia personale ed opinabile opinione ma per una come me che ricama tante ore al giorno non c'è di meglio!
Vi lascio il link delle meraviglie di Simona :
mani di donna



Questo è uno dei due lati corti, sono uguali!
Giusto per dare un'idea della dimensione

venerdì 3 aprile 2015

Medieval Stitch

Eccomi ancora con il mio Ricamo Medioevale. Calcolando che la sera è dedicata esclusivamente al Punto Croce e al mio quadro eterno, e che questo ricamo lo proseguo solo al pomeriggio quando posso, e non mi  dedico ad altre tecniche di ricamo, mi posso ritenere pienamente soddisfatta! Il risultato è luminoso e le persone che lo vedono dal vivo mi chiedono se è stampato! Come si vede dalla foto la mia futura borsetta sta volgendo al termine!
Prima ho fatto la griglia bianca, poi ho lavorato fascia per fascia facendo la parte gialla, ora sto facendo quella più scenica...ragazze tremate che arriva il rosso!!! Il progetto prevede di avere questa borsa finita in tempo per l'inizio ufficiale del periodo rievocativo, quindi Maggio. Ma ho già in mente un'idea che mi elettrizza e mi rimbomba nella testa appena gli è possibile: creare un imparaticcio con le varie tecniche di questo ricamo, in modo che durante la rievocazione non mi serva più la carta con le istruzioni rigorosamente imboscata e quindi di difficile consultazione. Questo imparaticcio sarà poi appoggiato sulla tavola medioevale e permetterà a tutte le mie amiche di poter copiare i vari schemi a loro piacere! Onestamente non vedo l'ora di essere attrezzata come si deve! A breve con gli aggiornamenti.  


giovedì 2 aprile 2015

Embroidery for all Seasons- WIP

Nell'Associazione Fili tra le mani è tempo di novità!
Gennaio è iniziato con il progetto della borsa di Patrizia, programmato per finire in un mesetto di lavoro.
Febbraio e Marzo invece sono stati coccolati dai romantici fiori per realizzare un'iniziale a punti liberi seguendo le istruzioni della nostra cara e bravissima maestra di ricamo Elisabetta che ha un'arte nello spiegare i ricami che li fa apparire facili e immediati.
Il libro di riferimento è stato : Embroidery for all Seasons di Diana Lampe's 
Il corso è quasi giunto al termine ma io come al solito ho apprezzato il complicarmi la vita!
Così ho progettato l'iniziale mia e quella di mio marito e su sua precisa richiesta un abbozzo dei giardini fioriti! Ebbene si, mio marito si è innamorato dei giardini di Diana e dovrò, con immenso piacere, realizzarli ^__^
Comunque prima mi devo dedicare a questo lavoretto. Come si vede dalla foto non è ancora finito, ma credetemi che mi mancano pochissime ore di lavoro! Cosa ne farò poi? L'idea è di confezionare un cuscino romantico in stile vittoriano da mettere in camera.

Borsa che passione

Questo progetto è nato qualche mese fa quando Patrizia, della "mia" Associazione di Ricamo, tentò di nascondere dietro al suo grande sorriso una borsa "ricamosa" .
Avevo già fatto dei corsi con lei per fare una borsa ma quello che mi ha colpito di questo progetto è stata l'idea di crearla insieme a tutte. Immaginare di avere tutte la stessa borsa, per modello, ma nessuna uguale, per fantasia d'esecuzione, mi ha fatto perdere la testa per tutta l'estate!
Poi finalmente è arrivato Gennaio e con esso l'email di Patrizia con l'elenco dei materiali.
Mi è venuto istintivo l'abbinamento delle stoffe...ma solo dopo aver avuto ben chiaro in mente il ricamo principale! Devo confessare che prima di riuscire a decidere cosa ricamare è passato molto tempo. Poi un giorno Patrizia ha detto "sono tutte borse porta-lavoro ma la tua deve rappresentare te stessa" e con queste parole tutto è stato chiaro.
Sono insegnante, lavoro con i bambini anche nei weekend, il Punto Croce è il mio amore crocettoso assoluto ... Come non scegliere di realizzare i topini di Beatrix Potter che ricamano?
Un pò di pratica di cucito ce l'ho ma non basta mai, Patrizia nelle sere in cui ci siamo trovate ha saputo spiegarmi i passi in modo esemplare!
Il risultato mi ha soddisfatta in pieno e ora vado alle riunioni del club con i miei lavori comodamente adagiati all'interno della borsa!
Ho realizzato dunque il ricamo centrale su lino con una trama molto fitta, per avere un ricamo raffinato e piccolino. Poi ho fatto degli inserito in Broderie Suisse. all'interno ho fatto due comode tasche, tinta unita neutra e una fascia con i personaggi di Beatrix Potter inerenti la stessa storia.
Ancora una volta grazie Fili tra le mani!