giovedì 31 dicembre 2015

WIP-NOVEMBRE

A Fine Novembre ero arrivata qui! 
Procede, procede!!!
Dicembre l'ho dedicato a lavori natalizi e ho fatto pausa, ho ripreso dopo Natale a ricamarlo, prossimo aggiornamento dello stato d'avanzamento a fine Gennaio (se mi aggiustano il pc) o quanto prima!

mercoledì 30 dicembre 2015

4-Centrotavola Appeso

Ed ecco un'altro dei miei lavoretti natalizi di questo Dicembre!
Ho pensato ad un Centrotavola sospeso sulla mia tavola per il cenone del 24!
Ho intrecciato le tralci di vigna che erano state bruscate da poco, le ho colorate di bianco. Poi ho ricamato dei cuoricini a punto croce e ne ho tagliati altri col panno. Il risultato, nella sua infinita semplicità, mi piace molto ed ha stupito anche ospiti e parenti. Credo che lo terrò un altro pochino lì...magari sostituendo le decorazioni natalizie con qualcosa di più primaverile!

martedì 29 dicembre 2015

3-Calendario dell'Avvento

Invece questo è un progetto a cui ho pensato per mesi!
L'ho ricamato e confezionato nel mese di Novembre. Ho impiegato 1 settimana giusta per fare il ricamo centrale che in sé non è difficile, ma ha una miriade di dettagli a cui devi stare attenta e deve combaciare tutto, I numeri sono stati veloci e il confezionamento mi piace tantissimo ma non è perfetto a causa delle troppe riunioni a scuola e di un Dicembre sempre più vicino, avessi avuto più pace e tranquillità...ma lo adoro ugualmente!
In pratica ho tagliato 4 striscioline su cui ho ricamato i numeri, poi ho realizzato, tra un numero e l'altro, delle cappette (come le piegoline delle gonne) e infine ho cucito la base delle striscioline sul pannello a scacchi su cui avevo già cucito il ricamo principale. Aquesto punto il lato "a vista" l'ho cucito dritto su dritto con la stoffa del retro.
Questo il risultato!

2-Biscornu Natalizio

Lo so potevo non pensarlo ma quest'anno sono rimasta affascinata dall'idea di avere un punta spilli a tema natalizio da usare in questi freddi mesi...Quindi mi sono messa all'opera!

1-Cuscino Natalizio

Trovo finalmente un pc per poter aggiornare il mio blog!
Nel frattempo le mie mani hanno lavorato e si sono ingegniate per confezionare diversi lavoretti natalizi per la mia casa ma anche per qualche regalo.
Devo ammetterlo : quest'anno più che mai avevo voglia di punto croce e Natale! Ho persino lasciato fermo per tutto Dicembre (a dire il vero ho ripreso proprio ieri sera) il mio amato ed odiato eterno lavoro! Tutto per produrre una serie di lavoretti che vedrai a breve...Devo ammetterlo, una bella pausa dai miei lavori classici ci voleva! Ora mi sento ancora più carica e ancora più volenterosa di concludere! 
Quindi buona sbirciata tra i miei piccoli lavori...verranno postati un pò alla volta in questi giorni!
Un abbraccio e Auguro serenità a tutti!

Ilaria
 Questo è un simpatico cuscino. L'ho ricamato in un weekend di Novembre in cui ero ammalata...Forse è stata la febbre a scegliere per me un monocolore perchè mentre lo ricamavo giuravo a me stessa "mai più", mi spiego : il risultato mi piace, ti da soddisfazione vederlo realizzarsi, ma quello che amo sono le sfumature di colore e dopo un pò che maneggiavo il bianco ho iniziato a sognare il rosso del Natale in tutte le sue sfumature! Comunque era uno schema preso ad Abilmente ben 2 anni fa e andava fatto! 

venerdì 20 novembre 2015

Auguri Nonna Teodosia

Al volo, una sera, ho deciso di integrare il regalo per Nonna Teodosia con un oggetto ricamato. E' un lavoro semplice realizzato con il punto erba e la lavanda con i fiori a punti liberi...però è stato divertente ricamare sulla spugna! E' talmente grossa che ho lavorato senza forare il dietro quindi il retro è bianco e privo del rovescio.
Un abbraccio Ilaria :)

lunedì 2 novembre 2015

Orlo a Giorno

Questo è un imparaticcio, l'imparaticcio del mio primo orlo a giorno!
Lo sto studiando insieme alle mie amiche del Club, sfruttando un pò di libri e un pò tanta esperienza di chi tra loro già lo pratica da anni. Sono molto emozionata nell'impararlo perchè è il ricamo per eccellenza che mi ricorda le serate d'inverno in cui mia mamma e mia nonna preparavano le federe. Mi riporta indietro nel tempo, a quegli occhi da bambina che volevano imparare ma "ti potresti fare male, un giorno ti insegnerò" e poi si sa, la vita è lunga ma riserva tante pagine, a volte si girano e le promesse rimangono impigliate in quella precedente e vengono dimenticate da ambo le parti. Poi un giorno al Club nasce la proposta e in quel preciso momento mi rendo conto che per me è un'esigenza : come faccio a non saper fare un orlo a giorno semplice? Ho da realizzare delle corsie per i miei tavoli e specialmente le tende nuove per il salotto! Il tutto con calma e spalmato negli anni...
Quindi guardate questo lavoro con un sorriso in quanto sono proprio i primi passi che muovo in questa direzione!
E' ricamato su Lino a 14 fili.
Un abbraccio
Ilaria :)

venerdì 23 ottobre 2015

Sacchetto Fiorito

Ed ecco un piccolo pensiero per una mia mia grande amica.
L'ho confezionato con del lino tinto a mano da me, usando la lavanda del mio giardino e con la tecnica dei fiori a punti liberi! Anche se è un pensierino per ringraziare della sua sempre cortese ospitalità mi ha dato molta soddisfazione farlo!
 Alla fine l'ho presentato in una scatolina di legno con un sapone fatto a mano e naturale (non da me).

lunedì 19 ottobre 2015

Nuovi ricami medioevali

Non ho ancora aggiornato le mie ultime creazioni medioevali! 
Ecco lo stesso schema ma ricamato in due varianti di colore.
A breve nuovi aggiornamenti!
Un abbraccio
Ilaria :)


giovedì 15 ottobre 2015

Abilmente Autunno 2015

Scrivo solo due righe per dire che è da una settimana che aspetto inizi la Fiera!
Ogni anno ci vado, almeno all'edizione autunnale.
Ora vi illustro la mia tecnica per affrontare la Fiera: arrivata all'ingresso prendo la cartina e la studio due minuti trovando la zona del ricamo e dove vendono le cose per il Punto Croce o altri ricami. Vado prima qui. Poi ho due amiche che espongono (una nel reparto sartoria e una nel reparto ricamo) quindi un saluto è d'obbligo. Infine, il tempo che mi resta, lo spalmo su tutto il restante. In genere il mio tempo, causa lavoro e impegni di famiglia, è solo mezza giornata. Belli i tempi in cui potevo starci una o due giornate per fare i corsi e di guardarla con calma tutta...ma non mi lamento, ogni anno compro qualcosa di assolutamente carino che poi realizzo o che metto in un cassetto con l'idea di realizzarlo. E' la fiera delle idee e del sano e positivo confronto! Davvero, non vedo l'ora di andarci...Oserei aggiungere più che mai : infatti anche quest'anno mio marito dovrà lavorare uno dei prossimi weekend e così di solito uso quel tempo per iniziare e finire un lavoretto comprato in fiera, un pò come darsi un mini obiettivo per avere un regalo personale. L'anno scorso ho fatto la scatolina porta fili usando la tecnica del cartonage e il mio amato punto croce.
Vi aggiornerò su cosa ho comprato, sperando che gli imprevisti chiamati "lavoro" e "famiglia" tengano un basso profilo
Un abbraccio : )

mercoledì 14 ottobre 2015

Cuscino fiorito

Che gioia e che soddisfazione!
Finalmente posto la foto del mio cuscino realizzato con i fiori a punti liberi appresi al Club.
Ho deciso di realizzarlo in modo semplice con un lino tortora per risaltare il ricamo...confesso che mi c'è voluto un mese per decidere questa stoffa e il consiglio della mia preziosa amica Valeria per decidermi! Insomma già che lo dovevo confezionare non volevo fare il lavoro due volte. Comunque sono soddisfatta, è una bellissima tecnica molto veloce, ma necessita comunque di calma e precisione, che da soddisfazione.La tengo ben vicina alle mie mani in caso di regali e per rallegrare casa.

martedì 13 ottobre 2015

Villa Buri


E' terminata da poche settimane la mia esperienza di espositore nell'ambito dell'evento organizzato a Villa Buri, Verona. Le due giornate di fiera sono volate tra il chiacchiericcio sommesso delle donne che passavano, il caldo sole di una delle giornate autunnali piacevolmente tiepide e il mio sguardo curioso nel vedere i banchetti delle altre signore. E' stato un momento dolcissimo arrivare il sabato mattina ( con la mia auto, i miei scatoloni di materiale e mio marito) e vedere entrare nella villa tante altre signore nella mia stessa identica situazione e con il loro marito a seguito! Valeva la pena affrontare il tutto solo per vedere questa scena, ve lo assicuro! Le due giornate mi hanno regalato un calore immenso dato dalla sorpresa del vedere ogni amica del mio club di ricamo "farsi un giretto" : ogni singolo viso noto, tra cento di sconosciuti, viene percepito come un regalo meraviglioso ed inaspettato; dato dalle mie amiche che esponevano pochi banchetti lontano dal mio e con le quali, come un porto sicuro, potevo fare due risate o due chiacchiere; dato da alcune signore che fino ad allora erano estranee ma che le due giornate hanno trasformato in scrigni pieni di saperi che avidamente ascoltavo. Mio marito credo sia la persona che si è divertita di più, dopo aver famigliarizzato con i mariti presenti , e dopo aver individuato la fonte del caffè, si è messo ad esplorare il parco della Villa o per leggere un libro o per solo guardarne le impavide piante  che con tanto di cartello venivano illustrate. Ogni tanto veniva a trovarmi con qualcosa di buono da mangiare, visto che l'organizzazione aveva messo a disposizione di tutto, o solo per parlare al pubblico che curioso si fermava e chiedeva del mio lavoro. La mia scelta è stata quella di avere un'esposizione non a fini commerciali e valutando l'esperienza a distanza di giorni la reputo molto positiva perchè sono riuscita a raggiungere l'obiettivo che speravo...raggiunto il quale, ora, mi si apre una lunga strada in salita che potrò spiegarvi solo tra qualche breve tempo! Un abbraccio e grazie a chi mi è venuto a trovare ^_^


domenica 16 agosto 2015

Borsa medioevale

Ecco finita la mia prima borsetta medioevale.
Quello che colpisce è la particolarità di questo ricamo che rappresenta una costante nei ricami dell'epoca : figure geometriche che contengono altre figure geometriche. L'altra caratteristica è che è talmente fitto e talmente pieno che devo insistere col pubblico che la guarda spiegando che non è un tessuto ma un ricamo. Questa piccola borsetta mi ha dato molta soddisfazione e talmente carica che, con un altro schema, ne ho iniziata una seconda!



mercoledì 12 agosto 2015

Io e il telaio


Ricamo su telaio medioevale

Ho iniziato il mio primo lavoro sul telaio. Devo dire che le sorprese sono molte!
La prima difficoltà è stata il capire come legare la stoffa al telaio e qui si apre un discorso lunghissimo che provo ad abbreviare in questo modo :
Io sono una ricamatrice ma anche una rievocatrice e questi due ambiti non sempre coincidono, possono aiutarmi in un certo senso collaborando tra loro ma spesso si scontrano, questo telaio ne è un esempio.
Come ricamatrice dovrei considerare il telaio in modo pratico, che mi faciliti il lavoro e secondo le esperienze dei telai che già conosco.
Come rievocatrice devo avere la sensibilità di chiudere gli occhi e dimenticare le conoscenze acquisite, e avere l'umiltà di aprire la mia mente ad una conoscenza del passato...quindi il telaio deve essere fedele anzi, fedelissimo, a quello del quadro del 1476 da cui l'ho riprodotto!
Avendo guardato nei minimi dettagli quel dipinto sono certissima che questo telaio ha i buchi nei lati lunghi e alcuni tiraggi in quelli corti ma senza che essi passino nei buchi. Inoltre la stoffa in ogni lato è sotto la struttura di legno. Licenze poetiche del pittore? Può essere ma come rievocatrice devo aggrapparmi a questi dettagli certi per realizzare il mio telaio senza metterci libere interpretazioni!
Il risultato è incredibile...dopo aver fissato la tela, e disfatta ogni volta che sentivo nascere un'idea migliore della precedente, ora sono in grado di lavorare in modo veloce e preciso. Non solo, ma grazie a questo metodo sto esercitando la mano sinistra! Infatti nel quadro non capivo perchè la mano sinistra della ricamatrice non si vedesse...con la pratica ho capito benissimo! E' un lavoro di mani, di entrambe le mani, al 50 e 50.
Onestamente mi rendo conto che ho ancora moltissima strada da fare, sto continuando a studiare, a cercare sui libri...non so dove questa strada mi porterà ma sono certa di essere all'inizio e il mio cuore si riempie di gioia sapendo quanto ancora ho da imparare!

Telaio Medioevale

E' da molte settimane che desidero aggiornarvi sul mio lavoro del telaio, per motivi tecnici non ho potuto e ora ho una mole di cose da dire e da raccontare senza eguali!
Ad ogni modo inizio col telaio, un argomento che mi ispira moltissimo!
Questa era la situazione del mio telaio circa un mese fa! Mio marito me lo aveva fabbricato seguendo le mie esasperanti indicazioni (che paziente che è!)...pensate che lo ha realizzato costruendosi intarsi di legno "come una volta" al posto dei chiodi e quando ha messo i chiodi li ha usati come facevano nel medioevo : senza il cappello e comunque usando chiodi vecchi che avevamo in casa. A questo punto andava solo verniciato!
Ed ecco qui la mia mano in piena opera di verniciatura! Ho scelto una vernice naturale, non lucida...

Ed ecco il telaio finito con me che lo uso!!

Nuovo Haul : Accessori da ricamo

Questo post è dedicato ai miei ultimi arrivi...shopping medioevale!
Porta Aghi Medioevale
Dopo molto tempo, con lieve palpitazione, ho aperto il pezzo di carta bianca che nascondeva il mio porta aghi medioevale.
Essendo impossibilitata di trovarlo qui in Italia avevo incaricato un'amica di procurarmelo all'estero.
Ed eccolo qui in tutto il suo splendore! E' progettato per essere attaccato alla cintura del vestito, è ricco di dettagli...ne vado pazza!
 Questo bauletto è stato interamente realizzato a mano, faccio notare gli intarsi molto complessi che rendono quest'oggetto un pezzo unico nel suo genere! L'artista è il papà di una mia amica, Annalisa...che fa questo per hobby ma con una perfezione assoluta!
Questo bauletto (io vado pazza per bauli di ogni dimensione) misura circa 25 x 50 e alto circa 20 ma in realtà ne ho presi due, il secondo è identico, con gli stessi intarsi, ma piccolo ovvero 20 x 10...giusto utile per contenere le matassine e le minuterie da ricamo!

Questo è il Bauletto più piccolo per tenere i rocchetti e la forbice

venerdì 29 maggio 2015

Telaio medioevale

Ragiono su questo post da molto tempo.
Questo è un progetto a cui tengo in modo particolare e per il quale sto investendo molte energie!
Ho iniziato a partecipare alle rievocazioni storiche, con mio marito, nel 2006. All'inizio mi accontentavo di ricamare il punto croce nascosta in un angolo dell'accampamento. Tuttavia non bastava. Il punto è che rievocazione vuol dire rappresentare un quadro vivente, il pubblico ti guarda e tu in quelle giornate vivi come le persone del periodo che stai rievocando. Il mio gruppo "Città del Grifo" di Arzignano, Vicenza, fa anche parte del Cers ovvero quel comitato che controlla che la qualità del tuo operato sia secondo le aspettative. Quindi, come già ho raccontato in altri post, ho iniziato col ricamo medioevale, ma quando Elisabetta, del mio club di ricamo, mi ha chiesto come era il telaio alla fine del 1400...ho anche capito quello che dovevo fare!
In internet ci saranno molti telai medioevali, alcuni contestabili altri migliori del mio, io confesso che la mia fonte non è internet, non ho proprio guardato perché come rievocatrice la mia fonte sono i quadri.
Ed eccolo qua :
DEL COSSA, Palazzo Schifanoia a Ferrara 1476 Ovvero il periodo che rientra alla perfezione in quello che noi rievochiamo.
Quindi questo dipinto, oltre ad essere per me una rivista "Vogue" di alta moda da cui ispirarmi per gli abiti, è essenzialmente la base su cui lavorare per ottenere proprio quel telaio da ricamo che si vede in primo piano!
Ho osservato attentamente il dipinto, ingrandendolo, discutendone con altre persone, e quello che mi balza all'occhio è che il telaio è rettangolare. Certo, senz'altro c'erano altri modelli, senz'altro le misure si possono variare ma se io creo un telaio esattamente con queste misure e proporzioni ottengo un prodotto filologicamente corretto e incontestabile nel mondo rievocativo. Dunque noto che è un rettangolo, e cosa molto importante che i buchi sono solo sui lati lunghi. Addirittura la stoffa non copre tutto lo spazio, infatti dove c'è l'angolo del polso che ricama si nota la gonna sottostante. Poi noto nei 4 angoli dei perni, senz'altro tenevano fermo il telaio e anche permettevano alla ricamatrice di stringerlo o allargarlo a piacere.
Noto poi che il telaio è solo appoggiato su delle gambe, questo senz'altro perchè era movibile.
Quindi inizio a studiare le gambe ma in questo sono facilitata dall'appartenere al mondo del 1480 perchè in accampamento abbiamo già delle gambe strutturate con quel sistema abbastanza tipico : sono tre pezzi, uno verticale unico dietro che si inserisce nel pezzo orizzontale, che appoggia sulle due gambe davanti. E' a tre piedi e si regge benissimo.
Capito questi essenziali dettagli inizio a guardare con occhi dolci mio marito, a dirgli quanto lui sia bravo con l'hobby del legno e a quanto io sia disposta a comprargli gli attrezzi mancanti pur di avere il telaio. Lui sospira, prende in mano il quadro e iniziamo a discuterlo,a procurare del legno di ottima qualità, poi va nella sua stanza dove lavora il legno e inizia a realizzarmelo...
Qui lo vedete ancora nella sua forma grezza! Ora ci manca un ultimo attrezzo per poterlo sagomare e rendere perfetto! Faccio notare che non ha nessun tipo di chiodo e che l'effetto verrà proprio uguale al dipinto! Ovviamente mi sto facendo un abito simile a quello della ricamatrice per riprodurre la foto in accampamento ^___^
Il telaio realizzato con le stesse proporzioni
Il telaio con il suo supporto nella forma al grezzo, da rifinire

Una delle due gambe, sempre al grezzo da rifinire

Ecco smontata la gamba

Prove generali di proporzione rispetto al quadro ^__^
Al prossimo aggiornamento dunque, Baci e buon lavoro a tutte!

domenica 24 maggio 2015

In Rievocazione


Finite le iniziali

Ho da qualche giorno terminato le famose iniziali fatte a punti liberi (vedi post precedente). Il progetto era nato all'interno dell'Associazione di ricamo di cui faccio parte seguendo un libro-guida (Embroidery for all Seasons di Diana Lampe's) con la maestra di ricamo Elisabetta. Come sempre c'è un 50% di emozione nell'imparare un nuovo ricamo, nella ricerca del materiale e nella preparazione del kit, e un 50% di gioia assoluta nel vedere le altre ricamine come procedono con il loro lavoro di volta in volta e come sviluppano uno schema iniziale comune in modo differente dal tuo. Devo dire che quest'idea mi è piaciuta moltissimo fin da subito perché ne vedo le grandi potenzialità! Realizzare dei fiorellini come questi da sfogo alle mie fantasie di ricamatrice : ora ho ricamato due iniziali, ma in realtà già sto pensando ai bordini a vista dentro le vetrinette della cucina, a pratici regali, ad asciugamani in lino, bomboniere...e potrei continuare per molte righe!
Quello che mi piace di questo ricamo è anche la velocità d'esecuzione, trovi soddisfazione nel ricamarlo perché vedi nell'immediato il risultato. Poi l'effetto in rilievo gli da un che di raffinato e allegro nello stesso tempo...Ci tenevo proprio tanto ad acquisire questa tecnica! Comunque come tutti i ricami serve assolutamente farci la mano, per quanto io mi sia impegnata noto che il mio imparaticcio poteva essere migliorato in alcune parti, ma lo dico con positività e piena soddisfazione del risultato ottenuto. Grazie a questa tecnica mi sono costretta all'uso del telaio: in casa ne ho diversi ma col mio amato Punto Croce proprio non riesco ad usarli, quindi finisco per comprarne di modelli differenti, sperando mi siano di qualche utilità, e invece rimangono nel loro angolo.
Ritengo sia un tipo di ricamo in cui serva molta fantasia ovvero bisogna "vedere" il risultato finito per capire quali fiori accostare e con quali colori, ma la pratica e l'uso di uno dei libri in commercio facilitano di gran lunga il lavoro.
In conclusione, consiglio a chi non lo ha ancora imparato di provarlo! Senz'altro in casa di una ricamina ci sarà posto per qualche fiorellino in rilievo!
Riguardo il mio imparaticcio, ora lo devo lavare, stirare e finalmente trasformare in un cuscino che vi farò vedere in un futuro post.


.
Un abbraccio e buon ricamo a tutte ^___^

giovedì 23 aprile 2015

Attrezzature...fuori dal tempo

Mi sono resa conto di non avervi ancora fatto vedere le mie prime attrezzature da ricamatrice medioevale!
Dunque il kit comprende una comodissima forbice e dei rocchetti di legno. Tutte queste cose sono fedeli riproduzioni quindi il top per un rievocatore. La forbice è la cosa più comoda da usare che io conosca! Infatti a forza di dirlo mio marito una sera è tornato a casa con un modello simile ma moderno, quindi con un acciaio migliore e quei bei colori che una donna apprezza! Ad ogni modo, se vi state chiedendo che forbice io usi mi spiace deludervi confermando che uso proprio questo tipo! La comodità è che non devi fare due movimenti per usarle (chiudere ed aprire le dita per farla funzionare), queste forbicine in un solo movimento fanno il loro lavoro e stanno rase sulla stoffa permettendoti ampio movimento. Comunque è solo la mia opinione, che ho trovato carino condividerla, data dal fatto che in rievocazione uso questa e poi è più comodo mantenere lo stesso metodo anche nel quotidiano,  ma in verità se trovo in vendita una delle forbicine "classiche" la compro solo perché le trovo bellissime.
Ad ogni modo, sto aspettando un mercatino medioevale che faranno tra qualche mese, lì potrò comprare la riproduzione di un porta aghi del mio periodo storico (la fine del 1400)! Calcolando che è in metallo e tutto lavorato immaginate voi il costo, ma ne vale la pena! Infine l'argomento aghi...e qui casca il palco! Conosco degli artigiani da cui acquistare aghi filologicamente corretti...ma li conserverò solo per farli vedere al pubblico, come didattica, perché ogni volta che provo ad usarli tendo a romperli e vi assicuro che mi è già accaduto! Insomma, devo scartare i miei aghi moderni da ricamo perché li incurvo dopo poche settimane di lavoro a forza di usarli, immaginate se non avessero una struttura perfettamente solida.O forse un giorno qualcuno risolverà questo mio dilemma vendendomi un ago filologicamente corretto ma resistente!
Ed ecco dunque che continuerò l'argomento tra qualche mese, vi ringrazio di avermi letta e ci aggiorniamo presto^_^

martedì 7 aprile 2015

Regalo!

Questo è un auto-regalo!
Insomma...avevo proprio bisogno di una scatolina che mi contenesse gli avanzi dei fili che produco mentre ricamo! Una persona precisa come me non riesce ad appoggiarli sul tavolo e questa è stata l'idea che ho abbracciato! Mi trovo molto bene.
L'ho realizzata a punto croce usando un lino dalla trama regolare e molto fitto per avere un risultato piccino e raffinato. Poi ho semplicemente rivestito un cartoncino con le stoffe per ricreare una scatolina!
Lo uso da alcuni mesi e devo dire che è molto resistente. Lo consiglio.
Il Kit l'ho acquistato, quindi lo schema era contenuto all'interno. Le istruzioni erano chiare e di semplice comprensione! Davvero un kit ben fatto! Solo che io ho la tendenza a modificare tutto...più che altro a personalizzare! L'articolo, progettato da Simona, vedeva il suo utilizzo come porta forbicine da ricamo e attrezzature varie, aveva un comodo e dolce manico in legno centrale (nel mio caso è rimasto nel sacchettino del kit) e un divisorio. Io ho leggermente alterato le misure e creato un articolo un pò più semplice. Ripeto, il fine mio era quello di avere un contenitore pratico ma crocettoso in cui poter mettere tutti gli avanzi di fili e poterlo svuotare a fine giornata; e credetemi : sarà una mia personale ed opinabile opinione ma per una come me che ricama tante ore al giorno non c'è di meglio!
Vi lascio il link delle meraviglie di Simona :
mani di donna



Questo è uno dei due lati corti, sono uguali!
Giusto per dare un'idea della dimensione